Body Shaming: che cos’è, cosa significa e come combatterlo

Body Shaming: che cos'è, cosa significa e come combatterlo

Che cos’è il body shaming?

Spesso i siti internet tendono ad essere utilizzati per finalità non informative. Ciò accade per esempio nel caso del cosiddetto body shaming. Risulta essere una forma non corretta di beffa e irrisione per la fisicità dei soggetti. Comporta il sentenziare le conformazioni del corpo dei soggetti, soprattutto mediante i siti internet e social network.

La terminologia discende dalla lingua inglese shame e sta a significare vergogna, contrariamente sotto forma verbale sta a significare comportare vergogna. Nella lingua italiana la questione tende ad essere esposta causando l’imbarazzo del proprio corpo per determinati soggetti. Coloro che tendono ad essere compromesse risultano essere i soggetti con fisico non ottimale, che non rispecchiano gli standard societari all’interno del quale abitano.

Il body shaming risulta essere il fenomeno che denigra i corpi aventi tatuaggi, eccessivamente magri, affetti da patologie della pelle, oppure coloro che sono affetti da cellulite. I soggetti femminili risultano compromessi da codesta problematica ulteriormente nei soggetti maschili. Codesti risultano essere soltanto parole che giornalmente molteplici soggetti hanno al di sotto delle proprie fotografie. Molteplici ritengono che non causino danneggiamenti, contrariamente incrementano l’enfatizzazione di codesto fattore.

I peculiari esiti del body shaming sui soggetti affetti risultano essere l’influsso dell’autostima, che causa una mancanza di convincimento, convincimento soggettivo. Un accrescimento dell’ansia e il pericolo che divenga una fissazione. Ulteriore conseguenza risulta essere l’incoraggiamento, la mancanza di desiderio nel raggiungimento di uno scopo, il quale riguarda per esempio il seguire un regime alimentare regolare al fine di riacquistare la propria forma fisica.

Quelle maggiormente sensibili a codesto fenomeno risultano essere gli adolescenti di età compresa fra i 18 e i 21 anni. I soggetti in età giovanile hanno problemi in merito alle imperfezioni del corpo, specialmente se sottolineati dai soggetti. Una problematica maggiormente comunitaria risulta essere il contiguo differenziarsi con ulteriori soggetti. Essendo dunque un fenomeno virtuale, ha inizio dai social che hanno inizio da molteplici pubblicità da parte di personaggi famosi riguardo i soggetti affetti da codesto fenomeno.

Cosa significa Body Shaming

Risultante essere una conformazione di bullismo che prevede il deridere il fisico e il corpo di un soggetto, è il body shaming. La terminologia inglese risulta costituita da body ossia corpo e shaming ossia azione che comporta il disagiare un soggetto. Il problema risulta essere evidenziato sul web, laddove i pareri risultano essere non del tutto percettibili e contigui, sebbene subentri in qualsiasi tipologia di condizione mediante pareri e concetti soltanto in apparenza inoffensivi. Offendere l’esteticità e il fisico di un soggetto, difatti, comporta lesioni, in quanto coloro che ne sono affetti assalgono pareri nel corso della vita. Il body shaming, dunque, risulta confrequente nel complesso familiare, nell’ambito scolastico e lavorativo. Molteplici campioni risultano ssere evidenziabili sui social media, televisivi oppure al cinema. Il body shaming subentra nel momento in cui un soggetto disapprova il corpo confrontandolo ad un ulteriore, oppure nel momento in cui si rimprovera la fisicità di un soggetto. Solitamente coloro che causano codesto fenomeno non si domandano se il soggetto sindacato stia attraversando una situazione difficoltosa. Con il pericolo che l’animo del soggetto si complichi. Dunque, il fenomeno causa solitamente mortificazioni, e tramanda il parere che i soggetti valutino a seconda della fisicità.

Come combattere il Body Shaming

Non vi è una metodica particolare al fine di ovviare codesta meccanizzazione, sebbene risulti possibile svolgere tecniche al fine di tentare di ovviare codesto fenomeno. Nel caso in cui coloro che commentano offensivamente sono soggetti a cui si vuole bene, risulta opportuno sottolineare il tutto e affermare di sospendere le parole utilizzando frasi quali:

  • basta dirmi che devo dimagrire, io sto bene così!
  • basta farmi notare che starei meglio con un altro taglio di capelli! Io mi piaccio così..

Nel caso in cui siamo dinanzi ad amici oppure persone estranee, si può tentare di trascurare le annesse malevolenze e andare oltre, nel caso in cui non risultasse bastevole porre fine a tutto cio, schiudendo la relazione e ovviando il sentirsi colpevoli di codesta azione.

Ciò nonostante, è opportuno replicare con intelletto ai soggetti che tentano di devastare l’autostima. Molteplici personaggi famosi risultano essere affetti da codesto fenomeno e ne fa parte una modella americana Ashley Graham, che per molteplice tempo e tutt’oggi, risulta essere martire del fenomeno, in quanto il corpo proprio non evidenzia gli standard della società. La medesima, ciò nonostante, ha replicato agli epiteti replicando che si sente sicura nella propria pelle e nel proprio fisico.

Molteplici star, di cui alcuni anche maschili, hanno affermato di aver subito codesti raziocini e attacchi, i quali hanno causato in loro ferite, sebbene abbiano affermato che con intelletto risulta possibile oltrepassare codeste umiliazioni, ovviando sgravi sul proprio umore.

Nel caso in cui si veda che, autonomamente non si riesca a fronteggiare la cattiveria dei soggetti, risulta possibile fare ricorso prendendo come esempio esperti idonei, quali gli psicologi. Bisogna prestare riguardo a discriminare un suggerimento da parte di una frase suggerita da empietà.

Spesso non tutto tende ad essere esposto con male intenzione oppure mortificazione sebbene il più delle volte tende ad essere consigliato il miglioramento. Bisogna tenere a mente che il pregio di cadauno soggetto non risulta legato ai chili oppure alla fisicità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here