Come chiudere i pori del viso: rimedi astringenti più efficaci 

Come chiudere i pori del viso: rimedi astringenti più efficaci 

Diversi problemi dermatologici sono moderatamente complicati da trattare, eppure sono spesso i più comuni. Alcuni sono più tollerabili di altri, ma un eccesso di quest’ultimi, potrebbe diventare sgradevole o addirittura pericoloso per la salute.

Tra questi, i pori dilatati. Sono causati principalmente dall’eccesso di sebo che ostruisce i pori della pelle che le permettono di respirare e di evacuare il sudore e le cellule morte. Così, quando i pori si riempiono di sebo, alla fine si allargano e si espandono, diventando evidenti.

L’imperfezione si nota principalmente sulla zona a “T” del viso, che comprende naso, mento e fronte. Inoltre, i pori dilatati possono anche causare punti neri. Ma allora, come ce ne sbarazziamo? C’è una cura naturale per stringere naturalmente i pori del viso, possiamo trovare dei rimedi astringenti davvero efficaci?

Efficaci rimedi astringenti

Primo passo, importante avere sempre un’igiene ineccepibile!

In realtà i pori dilatati sono il risultato di una pelle eccessivamente grassa. Inoltre, per eliminare l’eccesso di sebo, è importante detergere quotidianamente la pelle del viso e non saltare mai la fase di pulizia prima del trucco. Mattina e sera, è necessario pulire accuratamente la pelle, utilizzando principalmente acqua micellare e un sapone molto delicato. Sciacquare il viso con acqua calda e terminare con acqua termale.

Secondo passo, esfoliare l’epidermide periodicamente.

Come chiudere i pori del viso: rimedi astringenti più efficaci 

Un lavaggio della pelle aiuta a rimuovere correttamente le cellule morte. Inoltre, è necessario farlo una o due volte alla settimana per garantire una buona protezione contro i punti neri, i pori dilatati, ecc…

Iniziate sempre con un bagno di vapore, la cui durata di applicazione può variare tra i 15 e i 20 minuti. Il bagno di vapore aprirà i pori che potrete poi pulire a vostro piacimento con prodotti delicati e disinfettanti per la pelle.

Esfoliate l’epidermide in profondità.

Per fare questo, potete utilizzare sia un prodotto industriale, che uno naturale a base ad esempio di zucchero, usando le mani o una apposita spazzola per il gommage.

Cercate di eseguire il trattamento eseguendo delicati movimenti circolari per rimuovere correttamente le cellule morte. Terminata l’operazione di pulizia risciacquare il viso con abbondante acqua calda.

Guarire i pori dilatati e idratare la pelle

Quando si trattano i pori dilatati occorre fornire una cura adeguata alla pelle, utilizzando: lozioni, sieri, ecc… che sono progettati per stringere i pori del viso.

Una cura particolare per queste imperfezioni, sono i prodotti da applicare mattina e sera, per questo motivo, anche se la vostra pelle è grassa, non dovreste trascurare la sua corretta idratazione, ma scegliere la giusta crema per il proprio tipo di pelle.

Per chiudere i pori dilatati naturalmente, si può applicare della maionese che lascerete in posa per venti minuti. L’aceto, come l’uovo, aiuta a stringere i pori. Fate attenzione, se avete una pelle eccessivamente grassa, evitate di usare questa tecnica che potrebbe peggiorare il vostro caso.

Ogni sera, dopo aver pulito bene la pelle, immergete un batuffolo di cotone con del siero di latte e passatelo sui pori dilatati. Attendete venti minuti, quindi risciacquare con acqua fredda.

Applicate un cubetto di ghiaccio sul viso,  specificamente sui pori dilatati, dopo un’accurata pulizia preliminare della pelle.

Utilizzate del bicarbonato di sodio per chiudere i pori. Per fare questo, prendete circa due o tre cucchiai da tavola, quindi create una pasta, con la quale massaggiare la pelle, con movimenti circolari per quasi trenta secondi. Infine, risciacquate con acqua fredda. Se farete questo trattamento ogni sera per circa una settimana, gradualmente vedrete i vostri pori scomparire.

E ricordate che per avere una bella pelle, è necessario ridurre il livello di stress e seguire una dieta equilibrata, in quanto il corpo spesso reagisce in maniera negativa sia allo stress, che al cattivo cibo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here