Come e quando pulire le borracce con rimedi naturali

Come e quando pulire le borracce con rimedi naturali

Una buona idratazione è essenziale per ottenere dal nostro corpo delle buone prestazioni sia nella vita quotidiana, che quando ci si allena. Così contenitori come le borracce, con cui trasportiamo acqua o altri liquidi per idratarci, devono essere i nostri migliori alleati.

Tuttavia, molte volte nel corso del tempo, le borracce acquisiscono un cattivo gusto o non hanno più un buon odore. Per evitare questo sgradevole inconveniente, ci sono alcune semplici azioni che possono essere fatte sia con le bottiglie che con le borracce, in modo da poterli mantenere in perfette condizioni e soprattutto igienizzate per lungo tempo.

Qualunque sia il contenitore che si preferisce utilizzare, è meglio risciacquarlo dopo l’uso e lasciarlo asciugare completamente all’aria. Non dimenticate che anche la sola acqua calda, quando non abbiamo altro, può essere il vostro alleato nella pulizia dei contenitori.

Borracce maleodoranti: le cause

In generale, i cattivi odori o sapori nelle borracce,  sono dovuti al fatto che vengono conservati in zone umide o che sono stati chiusi a lungo con del liquido al loro interno. Anche se si tratta di una quantità molto piccola, lasciare il liquido in un contenitore e conservarlo in questa condizione, causerà una dannosa raccolta di batteri e muffe.

Un’altra causa del cattivo gusto, può essere che il contenitore è stato usato per conservare ad esempio dei succhi di frutta, ed in seguito non è stato lavato bene. D’altra parte gli zuccheri contenuti in questo tipo di bevanda sono eccellenti perché ci sia una  perfetta  proliferazione di un gran numero di batteri.

Borracce: come pulirle

Acqua e sapone

Svuotare completamente il contenitore e poi riempirlo a metà di  acqua calda per migliorare l’effetto pulente. Agitare energicamente e aggiungere un po’ di sapone liquido. Chiudere il contenitore e scuoterlo nuovamente per rimuovere lo sporco. Se il contenitore è molto sporco, è possibile ripetere la procedura più volte. Anche qualche goccia di candeggina aiuterà a eliminare eventuali batteri, l’importante è che dopo dovrete risciacquarlo accuratamente.

Aceto e bicarbonato

Per pulire i contenitori useremo semplicemente due ingredienti molto comuni: aceto e bicarbonato di sodio. Riempite la borraccia per tre quarti della sua capacità con acqua. Aggiungere un buon goccio di aceto e un cucchiaio di bicarbonato di sodio.

Quando queste sostanze entrano in contatto, ribolliranno un po’. Questo è perfettamente normale. Se il contenitore è molto sporco, aggiungere meno acqua e più aceto e bicarbonato di sodio. Nel caso la vostra borraccia sia in alluminio, è sconsigliata la pulizia con sostanze acide come l’aceto, così come il bicarbonato non deve essere utilizzato per la pulizia di pentole in alluminio. Infatti, essendo fortemente alcalino, il bicarbonato reagisce con l’alluminio facendone perdere lucentezza e colore.

Cloro e bicarbonato

Versate un cucchiaino di cloro o candeggina con un cucchiaino di bicarbonato di sodio all’interno del contenitore. Riempire il contenitore con acqua e lasciarlo riposare per sei ore o per una notte. Il giorno successivo, oppure dopo diverse ore, risciacquate la borraccia e lasciatela asciugare all’aria fino a quando non c’è più umidità.

Collutorio

Un trucco poco noto per eliminare i cattivi odori o sapori dalle borracce è quello di utilizzare dei collutori antibatterici. Per questo, dopo aver lasciato il contenitore perfettamente pulito, bisogna risciacquarlo con un collutorio. Questo eliminerà la maggior parte dei cattivi odori.

Sul mercato sono presenti scovolini per bottiglie appositamente studiate per raggiungere ogni angolo di bottiglie e borracce, senza dimenticare, valvole e coperchi.

Il tappo che chiude la borraccia è quello accumula più facilmente  sporco e batteri. In generale, occorre fare maggiore attenzione durante le operazioni di pulizia alla sua filettatura.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here