Come migliorare la concentrazione con la Yoga: ecco le posizioni

Come migliorare la concentrazione con la Yoga: ecco le posizioni

Lo Yoga è una pratica che da secoli ha assunto sempre più importanza nella vita quotidiana  delle persone perchè capace di ridurre i livelli di stress accumulati, liberare momentaneamente la mente e donare benessere al nostro organismo, il tutto con il semplice ausilio di un classico tappetino e abiti comodi.

Fare Yoga è sempre possibile non solo grazie ai numerosi centri specializzati ma anche grazie ad articoli, come questo, che vi introdurranno ai piaceri e alle principali tecniche base adottate dai maestri. Scopriamo ora qualcosa in più!

Indice Pagina

Che cos’è lo Yoga e a cosa serve

Lo Yoga è una pratica ascetica e meditativa che ha origine secoli e secoli fa nelle regioni dell’ India dove sono diffuse religioni come il Buddismo e il Giainismo.

Questa pratica oltre ad essere utilizzata nelle pratiche religiose di alcuni culti è diventata sinonimo di meditazione e rilassamento, infatti si svolge in silenzio o con musiche di sottofondo che permettono di aumentare la concentrazione.

Molto spesso lo Yoga, che è composto da una serie di posizioni corporali, necessita di un apposito tappetino che consente al corpo di non essere a contatto diretto con il pavimento ruvido e nei centri specializzati è probabile che l’ attività sia di gruppo con un maestro che guida il gruppo.

Lo Yoga quindi serve per:

  • ridurre i livelli di stress
  • liberare la mente
  • distendere i muscoli
  • aumentare la concentrazione e meditare
  • entrare in contatto con la natura

Quali sono le principali posizioni Yoga per migliorare la concentrazione

La concentrazione è, per alcune persone, difficile da mantenere per un lungo periodo di tempo e perciò lo Yoga potrà aiutarvi passo dopo passo a migliorarla attraverso le più semplici e conosciute posizioni del corpo come:

Come migliorare la concentrazione con la Yoga: ecco le posizioni

  • Saluto al Sole, è una delle posizioni più conosciute e bisogna specificare preliminarmente che non è una posizione statica ma dinamica. Prendete e salite sul vostro tappetino, in posizione erette congiungete le mani al petto in segno di preghiera, lentamente iniziate a portare le mani dietro la nuca e ad allungarvi finchè potete; inspirate e espirate con calma e portare le braccia e il busto alle caviglia, dopodichè piede e ginocchio sinistro in avanti e piede e gamba destra distesi all’ indietro appoggiando solo le dita del piede( respirate lentamente); dopo alcuni secondi di pausa portate anche gamba e piede sinistro nella posizione dell’ altra gamba appoggiando le mani al tappetino; breve pausa dove potrete continuare a respirare come in precedenza per poi appoggiare piedi e gambe al tappetino avvicinando le mani all’ inguine e mantenendo il busto eretto; adesso facendo leva sulle mani senza staccarle dal tappetino sollevate la gambe e formate un arco; successivamente portate il ginocchio destro in avanti, ricongiungete lentamente le gambe portando busto e braccia alle caviglie ( come all’ inizio); pausa lunga e portate la schiena e le braccia all’ indietro per poi, dopo aver inspirato ed espirato, tornate in posizione eretta con le mani congiunte in segno di preghiera;
  • Salutation Seal, è una posizione più semplice raggiungere rispetto alla precedente; prendete e sedetevi sul tappetino a gambe incrociate; respirate lentamente cercando di liberare la mente da ciò che vi attanaglia e chiudete gli occhi prendetevi tutto il tempo necessario; quando sarete pronti congiungete le mani in simbolo di preghiere e lentamente portatele verso l’ alto; mantenete la posizione affinchè non vi sarete rilassati e vorrete cambiare posizione;
  • Posizione dell’Albero, è molto simile alla postura vista in precedenza; cercando di rilassare il diaframma con le tecniche imparate e partendo da una posizione eretta cercate di trovare il vostro equilibrio con una sola gamba; una volta raggiunto la gamba che non serve per fare perno sul terreno portatela verso il ginocchio dell’ altra gamba in modo da formare un triangolo; per completare la posizione dovrete mantenere l’ equilibrio e portare le mani in preghiera verso l’ alto;
  • Posizione del Guerriero, questa richiede un buon grado di equilibrio ma niente paura, è tutta questione di meditazione e baricentro. Partendo da posizione eretta, trovate il vostro equilibrio su una sola gamba, allungando l’altra gamba all’ indietro. Mantenete sempre questo equilibrio e portate il braccio opposto alla gamba che non poggia per terra in avanti piegando il busto in modo da creare una “T” con il corpo.

Ricordate che lo Yoga  serve per meditare e migliorare la concentrazione e perciò per raggiungere le posizioni bisogna eseguire ogni passaggio lentamente in modo preciso concentrandosi molto sulla respirazione e sull’ equilibrio .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here