Come proteggere i capelli dai danni del cloro: trattamenti naturali da eseguire

Come proteggere i capelli dai danni del cloro: trattamenti naturali da eseguire

In genere, fare una breve immersione in una piscina clorata per alcune ore, non ha un effetto di gran peso sui capelli, invece in estate sono già indeboliti dai raggi UV, che danneggiano il film idrolipidico dei capelli, rendendoli ruvidi e opachi. Il cloro, tende ad attaccare gli oli naturali che proteggono il cuoio capelluto, ne risulta che dopo alcuni giorni di piscina, le lunghezze appaiono visibilmente più asciutte e ruvide, mentre per i capelli trattati con il colore, possono diventare anche verdi.

Se avete intenzione di trascorrere del tempo in piscina, sia che si tratti di una vacanza, sia per mantenervi in forma, assicuratevi di proteggere i capelli dai danni causati dal cloro.

Questa sostanza chimica corrosiva, che viene introdotta nell’acqua per eliminare i batteri nocivi, ha un effetto essiccante sulla pelle e sui capelli. Rimuove il sebo, l’olio naturale del nostro corpo. Può anche indebolire i capelli nel tempo e causare più danni. E’ importante agire,  prima che si arrivi a questo!

La conformazione dei capelli è fatta da proteine solide, come la cheratina, con una percentuale tra il 65 e il 95%, oltre ad acqua, lipidi, pigmenti e oligoelementi. Questi possono facilmente perdere vitalità consistenza e colore a causa di diversi agenti esterni tra cui il cloro.

Il modo migliore per proteggere i capelli dal cloro è indossare una cuffia da bagno (preferibilmente in silicone), inoltre ci sono altri modi per proteggere i capelli.

I capelli sono un po’ come una spugna, quindi  se prima di entrare in piscina, facciamo una doccia, i capelli bagnati assorbiranno meno acqua clorata.

Gli specialisti dei capelli danno anche molta importanza alla doccia dopo il nuoto, al fine di eliminare ogni traccia di acqua clorata.  Viene consigliato inoltre di applicare una maschera reidratante o un prodotto per la cura dei capelli alle ciocche, per reintegrare l’umidità persa prima di utilizzare uno strumento di asciugatura.

Per uno strato protettivo extra, è necessario applicare un po’ di balsamo sui capelli umidi prima di entrare nell’acqua della piscina. Ciò fornirà una barriera protettiva e impedirà la penetrazione del cloro, possiamo trovare in commercio degli spray da mettere direttamente sui capelli bagnati.

Rimuovere l’accumulo di cloro

Il cloro è uno dei principali fattori responsabili dell’accumulo di residui sui capelli. Il cloro aderisce ai capelli e le eventuali tracce devono essere rimosse correttamente, altrimenti i trattamenti condizionanti non penetreranno nella fibra capillare e la loro efficacia sarà ridotta.

Se siete dei nuotatori abituali, dovreste usare uno shampoo delicato durante i lavaggi per evitare l’accumulo di cloro e ripristinare l’equilibrio naturale dei capelli. Sciacquate i capelli per rimuovere eventuali tracce di cloro e applicate una maschera o un balsamo nutriente per trattarli.

Gli oli essenziali sono ideali per nutrire le estremità danneggiate. Potete anche applicare un olio vegetale alle estremità dei capelli: oltre a nutrire i capelli, gli oli vegetali (olio di argan, olio di cocco, olio di avocado…) formano una sorta di scudo impermeabile intorno ad essi per proteggerli.

Trattamenti naturali per capelli danneggiati dal cloro al miele e avocado

L’avocado può essere utilizzato per i capelli bruni: mescolate metà di un avocado,  aggiungete 5 quadrati di cioccolato fondente biologico fuso e 2 cucchiai di olio d’oliva. Applicate sui capelli durante il massaggio per garantire una corretta penetrazione. Lasciare in posa per 15 minuti. Risciacquate.

Il miele è ideale per le bionde, una maschera fatta in casa al miele può schiarire leggermente il colore dei capelli. Mescolate 2 cucchiai di miele, 4 cucchiai di olio d’oliva e un tuorlo d’uovo. Applicate delicatamente la maschera sui capelli asciutti e lasciate in posa per 20 minuti. Risciacquate abbondantemente e poi lavate i capelli con il solito shampoo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here