Come pulire il forno a legna con rimedi naturali e senza residui

Come pulire il forno a legna con rimedi naturali e senza residui

Cucinare con il forno a legna non solo è suggestivo, ma conferisce al cibo un gusto inimitabile. Per questo motivo, è bene avere un forno a legna a casa o in giardino.

La legna è il più antico combustibile utilizzato per cucinare e nonostante l’arrivo sul mercato di apparecchi di cottura più moderni ed efficienti che funzionano con altri combustibili, è senza dubbio la migliore fonte di cibo in termini di qualità di cottura.

Naturalmente, per godere appieno del forno a legna, dopo averlo usato per cuocere pizze, torte e altre delizie, richiede una piccola manutenzione e una pulizia regolare.

Rimedi naturali per pulire il forno a legna

La pulizia del forno è quindi essenziale per il suo corretto funzionamento e soprattutto perché il cibo non assuma odori e restituisca sapori indesiderati. Infatti, molte volte le pizze hanno un cattivo odore o prendono un cattivo sapore, perché il forno a legna non è stato pulito correttamente. La qualità e la fragranza del cibo è giudicata non solo dal tipo di cottura, ma anche dall’igiene del forno. Tuttavia, non è un grosso problema, basta seguire alcuni semplici consigli e il vostro forno a legna sarà in grado non solo di cucinare tutto il cibo, ma anche di esaltarne il sapore.

Per pulire al meglio il forno a legna, la scelta degli strumenti e di tutto ciò di cui avete bisogno è molto importante. Senza dubbio, non puoi farne a meno di: una pala, una spazzola con setole di rame a forma di mezzaluna, acqua, aceto, una grande spazzola con setole in ottone, uno straccio.

Inoltre, i pizzaioli più esperti consigliano di utilizzare un soffietto per rimuovere le ceneri senza il rischio di ustionarsi.

Il momento migliore per pulire il forno a legna e spazzare l’uscita dei fumi è  aspettare che il forno si raffreddi prima di pulirlo. Per una corretta manutenzione del forno, il beccuccio deve essere pulito periodicamente in modo che sia sempre pulito e in buone condizioni. Strofinare con forza con una grossa spazzola con  setole in ottone su e giù per tutta la lunghezza del beccuccio, quindi rimuovere la fuliggine e pulire il fondo del forno. La rimozione delle ceneri è operazione indispensabile per la pulizia del forno.

I forni a legna sono generalmente realizzati in mattoni refrattari che resistono alle alte temperature e necessitano quindi di poca manutenzione. La pulizia del forno è una condizione per garantire una cottura di prima classe dei cibi. Il primo passo è quello di rimuovere i residui di cenere che provengono dalla combustione del legno. Per fare questo, è possibile utilizzare una pala per raccogliere lo spessore delle ceneri o una spazzola, insieme ad un raschietto o un coltello che rimuove i residui di cibo bruciato facendo attenzione a non danneggiare il rivestimento. Ripetere la procedura più volte.

Se sul rivestimento sono presenti residui di cibo o macchie di grasso, sarà sufficiente riscaldare il forno per aumentarne la temperatura e sciogliere queste particelle e poi rimuoverle. Per rimuovere le macchie di grasso, strofinare con una spugna imbevuta di acqua e aceto e risciacquare. Non utilizzare detergenti che possono alterare il sapore dei cibi.

Per evitare che il forno a legna si sporchi, inumidite il fondo del forno prima di cuocere i cibi. Se dopo i primi utilizzi, il forno si rompe, non ha importanza; queste crepe sono la conseguenza della dilatazione termica del materiale refrattario che è essenziale perché il forno funzioni correttamente. Nel complesso, cucinare con un forno a legna è semplice ed economico, anche se non è privo di rischi che possono essere evitati con un po’ di attenzione.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here