Come stappare le orecchie: consigli per liberare le orecchie dall’acqua, dal cerume o dal catarro

Come stappare le orecchie: consigli per liberare le orecchie dall’acqua, dal cerume o dal catarro

È sempre fastidioso avere un condotto uditivo tappato e possono essere diverse le cause di questo problema, per ognuna di esse possiamo porvi rimedio.

Un orecchio tappato, a volte può divenire anche una sensazione insopportabile. L’unica cosa che vorreste è rimuovere quello che avvertite come un corpo estraneo che si è insediato nel vostro canale uditivo. Se avete un tappo di cera da rimuovere tranquilli, è abbastanza facile da togliere senza usare una sostanza farmacologica.

Come rimuovere uno spiacevole tappo in cera

E’ possibile  stappare le orecchie in modo  autonomo, senza ricorrere all’uso di appositi prodotti, semplicemente utilizzando dell’acqua ossigenata con una concentrazione del 3 o 4%. L’acqua ossigenata è un disinfettante che non manca in casa. Ma in alternativa potete utilizzare una soluzione salina, come nel caso della soluzione salina fisiologica concentrata allo 0,9%.

Per irrorare la soluzione nell’orecchio, potete usare una siringa che avrete privato dell’ago. Dopo avere riempito la siringa con il liquido, inclinate il capo rivolgendo l’orecchio verso l’alto. Inserite l’estremità della siringa nell’orecchio e spruzzare qualche goccia.

Ponete un batuffolo di cotone sull’orecchio per consentire al liquido di fuoriuscire, avendo cura di non spingere il batuffolo all’interno dell’orecchio.

Potrebbe esserci un’eccesso di cerume tale da richiedere  un’ulteriore lavaggio, potete ripetere la procedura anche due volte al giorno per quattro o cinque giorni, fino alla totale  rimozione del tappo.

Notare bene, il perossido di idrogeno non va usato se si ha un timpano perforato. Se non si è sicuri della presenza di un tappo di cerume  l’acqua ossigenata ( il perossido di idrogeno) non deve essere utilizzata più di due volte a settimana, questo perché potrebbe seccare il canale uditivo.

La pulizia delle orecchie deve essere una procedura che se rientra nella vostra routine, non deve generare fastidi, questa pratica corretta  non vi costringerà a dover stappare le orecchie. Inoltre, spesso è sufficiente sciacquare le orecchie durante la doccia. L’uso del cotton fioc, come sistema per una corretta igiene delle orecchie, è fortemente  sconsigliato dai medici otorinolaringoiatri.

È invece consigliato l’uso di un panno umido per lavare la parte più esterna della cavità dell’orecchio.

I medici consigliano di non infilare niente nel foro delle orecchie, perché inserire nel condotto uditivo oggetti inadeguati potrebbe irritare, causare un’infezione o peggio ancora causare la perforazione del timpano.

Anche l’acqua nelle orecchie può essere molto fastidiosa se provoca un tappo, ma ci sono alcuni rimedi da poter utilizzare anche in questo caso.

La prima cosa più semplice e istintiva è inclinare il capo da un lato e far fluire via l’acqua grazie alla forza di gravità.

Assicuratevi che l’orecchio sia parallelo al pavimento, ed esercitate pressione con la mano, sul dotto uditivo. Rilasciate e permettete all’acqua di uscire.

Due rimedi utili sia per l’acqua nelle orecchie sia per le “orecchie otturate dalla pressione“, consiste nello sbadigliare o nel masticare del cibo. Durante queste due attività, masticare e sbadigliare si muovono la  mascella e la mandibola, in tal modo agiscono direttamente sull’orecchio medio permettendo la decongestione.

Per liberare le orecchie tappate a causa del catarro, occorrerà prima di tutto  curare il raffreddore. Se si cura l’influenza che ha causato il catarro alle orecchie, tutti i sintomi a essa connessi scompariranno. Per far regredire più in fretta questo sintomo potete seguire alcuni  accorgimenti come bere liquidi caldi come: latte caldo, tè caldo, brodo o camomilla. Fondamentale in questi casi l’assunzione di vitamina C e ferro.

Non vi sottoponete agli sbalzi termici, questi possono far aumentare la produzione di muco.

L’olio essenziale di eucalipto grazie alle sue  proprietà decongestionanti è perfetto da utilizzare per decongestionare le vie respiratorie e svolgere una potente azione mucolitica e espettorante.

Dopo aver riscaldato dell’acqua aggiungere alcuni cristalli di mentolo o olio essenziale di eucalipto all’acqua e inalate il vapore, questo vi aiuterà ad ammorbidire il muco nella parte posteriore della gola decongestionando allo stesso tempo le orecchie tappate dal catarro.

Se nessuno di questi rimedi per stappare le orecchie funziona, rivolgetevi senza esitare ad  un otorino.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here