Come togliere le macchie di pipì dei bambini dagli indumenti: cosa occorre e procedimento

Come togliere le macchie di pipì dei bambini dagli indumenti: cosa occorre e procedimento

La fase dal pannolino al vasino risulta essere alquanto difficoltosa non soltanto per i bimbi. Naturalmente, istruire il corpo a distinguere e contenere le stimolazione non risulta essere esemplificato e risulterà ineludibile per i bambini congiungere danneggiamenti alle lenzuola, al divano e ad ulteriori superfici.

Al fine di rimuovere le chiazze di pipì dal materasso, causa solitamente, specialmente nel caso di perdite di notte, del passaggio da parte della pipì nella superficie delle lenzuola e giunga a macchiare il materasso, bisogna fare ricorso a dei trattamenti specifici a base di ingredienti naturali e facilmente reperibili in casa.

Indice Pagina

Cosa occorre e procedimento

Rimozione delle chiazze di pipì dei bimbi dal materasso

Pertanto, i rimedi risultano essere molteplici. Anzitutto, si raccomanda di salvaguardare il materasso mediante uso di un copri materasso avente una superficie in plastica. In tal caso, le chiazze non si infiltrano in avvallamento.

Per quanto concerne l’eliminazione delle chiazze, bisogna curarle in differenti metodiche, ad esempio, risulta possibile adoperare l’ammoniaca profumata da porre superficialmente alla chiazza mediante utilizzo di un stracco umidito. Contrariamente, risulta adoperabile il bicarbonato di sodio, che va posto superficialmente alla chiazza e aspettare che operi per pochi minuti. Nel momento in cui si discioglie, risulterà possibile eliminare le rimanenze mediante spazzola.

Rimozione delle chiazze di pipì dei bimbi dai tessuti

Per quanto concerne la rimozione della chiazza di pipì dal divano, e specialmente la profumazione sgradevole, nel caso di tessuto non eliminabile, i procedimenti da svolgere risultano essere:

  • stagnare la chiazza mediante un panno inumidito di cotone sino a che il fluido non risulterà totalmente assimilato
  • successivamente all’attimo in cui lo straccio non risulterà più umido, se posto superficialmente a quella zona, risulterà possibile disinfettare. Codesta, al fine di praticarla, richiede uso di una miscela di acqua ossigenata e aceto bianco, in maniera tale da sterilizzare e profumare al tempo stesso

Nel caso in cui il tessuto risulta rimovibile e lavabile nella lavatrice, risulta possibile solo procedere con il primario procedimento e porre il tessuto in lavatrice per il lavaggio.

Rimozione delle chiazze di pipì dai tappeti

Per quanto concerne, invece, la pulizia dei tappeti quali quelli del puzzle che tendevano ad essere adoperati anticamente, al fine di svolgere attività di gioco e dunque navigare negli ambienti apprendendo la gestione del corpo e dei corrispettivi movimenti, bisogna anzitutto assimilare la chiazza ponendo superficialmente carta assorbente.

Successivamente, al fine di rimuovere l’odore sgradevole dal tappeto, bisognerà posse superficialmente una miscela di acqua e aceto. Nel caso in cui dovessero restare chiazze, è bene tenere a mente di usare il bicarbonato.

Rimozione delle chiazze di pipì dagli indumenti

Per quanto concerne la rimozione delle chiazze dagli indumenti causa dell’incontinenza, naturalmente non basta lavarli in lavatrice. Anzitutto, al fine di rimuovere l’odore sgradevole bisogna sottoporre a trattamento gli indumenti adoperando acqua e aceto. Per quanto concerne la pulizia, risulta essenziale usare acqua gelida, poiché l’acqua rovente comporta il fissaggio delle chiazze.

Per quanto concerne i tessuti chiari quali il bianco, bisogna prediligere un trattamento mediante utilizzo di acqua ossigenata. Non soltanto rimuovere la macchia altresì sterilizzare il capo.

Bisogna anzitutto adoperare una miscela con acqua e 1 cucchiaio di acqua ossigenata. In assenza di acqua ossigenata, risulterà vantaggioso adoperare l’aceto, seppur in quantitativi maggiori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here