Sturare il lavandino di casa: soluzioni fai da te e naturali

Sturare il lavandino di casa: soluzioni fai da te e naturali

Uno dei problemi domestici più comuni è quello dei tubi del lavandino che si intasano. Questo può accadere per diversi motivi e oggi vedremo alcune opzioni per risolvere questo problema in modo semplice.

Il cibo, anche in piccoli pezzi, può finire nel lavandino e causare una “grande marmellata” dentro le nostre tubazioni, oltre che a provocare la fuoriuscita di cattivi odori. Per questo motivo, è meglio posizionare un tappo a griglia che impedisca la penetrazione di eventuali residui di cibo.

Inoltre se non volete che questo accada, bisogna rimuovere quanta più sporcizia possibile prima di mettere il piatto nel lavandino. L’olio e le sostanze oleose, sono uno dei più grandi nemici dei tubi, in quanto si accumulano sulle pareti dei tubi e fanno sì che i detriti alimentari si accumulino. Oltre a ciò, bisogna tener conto del fatto che l’olio usato è un grande contaminante e, il modo corretto per smaltirlo è conservarlo in bottiglie, che possiamo poi portare in un luogo di smaltimento.

Anche i saponi possono lasciare sedimenti che causano l’intasamento del tubo. Per questo è necessario evitare che il sapone accumulato nello scarico si secchi, un buon modo perché questo non avvenga è versando un po’ d’acqua calda in modo che si dissolva. Anche se abbiamo seguito questi consigli, il nostro lavello si è intasato, possiamo realizzare soluzioni diverse a seconda della gravità dell’intasamento.

Rimedi naturali per sturare il lavandino

I rimedi casalinghi sono una soluzione molto efficace e semplice, in modo che noi stessi possiamo riparare gli intoppi, quando il lavandino non fa scorrere l’acqua.

Per fare questo, avremo bisogno di: bicarbonato, sale fino e una pentola di acqua calda. In  un  contenitore versate 200 grammi di sale fino e di bicarbonato di sodio. Fate amalgamare i due elementi che poi verserete nello scarico otturato. Poi versare nello scarico un litro e mezzo di acqua bollente. Per mantenere lo scarico sempre pulito, questa operazione andrebbe ripetuta almeno una volta al mese.

Anche una soluzione con sale e aceto ci permette di sturare il lavandino. In questo caso dovrete riempire il buco di scolo con del sale grosso, mentre fate bollire circa mezzo litro di aceto bianco di vino e un litro di acqua. Verserete prima l’aceto e poi l’acqua bollente.

Anche delle bevande gassate hanno il potere di liberare i tubi intasati, ma se non fossero sufficienti in commercio, come alternativa, ci sono degli  stura lavandini. Dovrete esercitare una pressione con questo strumento all’imbocco del lavandino. In seguito verserete dell’acqua bollente per rimuovere l’ingorgo. Questi attrezzi funzionano quando le occlusioni sono di piccola o media entità soprattutto se l’ostruzione è dovuta a  sapone o capelli.

Per ultima soluzione, prima di chiamare uno specialista, potete provare gli sbloccanti chimici. Queste soluzioni sono un’opzione utile e sono disponibili in numerosi formati diversi. In ogni caso, è meglio chiedere al responsabile del negozio quale è la soluzione più indicata per il vostro lavandino, così da guidarci sul prodotto più adatto.

Con questi prodotti chimici è’ necessario leggere attentamente le istruzioni sulla confezione e proteggersi con guanti e occhiali di sicurezza per evitare incidenti. Normalmente, questi tipi di prodotti hanno  componenti chimici molto forti e un uso improprio potrebbe causare lesioni a noi o danni ai tubi.

Dopo aver letto attentamente le istruzioni, dovremo fare arieggiare l’ambiente, aprendo  le finestre in modo che i vapori non si accumulino e verseremo il prodotto. Una volta che avrà avuto l’effetto desiderato, lasceremo il rubinetto aperto per un po’ di tempo, per rimuovere completamente eventuali ostruzioni o sostanze chimiche rimanenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here